redisIniziare con redis


Osservazioni

Questa sezione fornisce una panoramica di cosa è Redis e perché uno sviluppatore potrebbe volerlo utilizzare.

Dovrebbe anche menzionare qualsiasi argomento di grandi dimensioni all'interno di Redis e collegarsi agli argomenti correlati. Poiché la documentazione di Redis è nuova, potrebbe essere necessario creare versioni iniziali di tali argomenti correlati.

Versioni

Versione Data di rilascio
3.2.3 2016/08/02
3.2.2 2016/07/28

Installa Redis usando Docker

È semplice iniziare a utilizzare Redis tramite la finestra mobile:

docker pull redis
docker run -p 6379:6379 --rm --name redis redis
 

Ora hai istanza in esecuzione sulla porta 6397

Attenzione: tutti i dati saranno cancellati, quando Redis sarà fermato.

Per connettere redis-cli, avviare un'altra finestra mobile:

docker run -it --link redis:redis --rm redis redis-cli -h redis -p 6379
 

Ora puoi giocare con la tua finestra mobile Redis.

Panoramica

Redis è un database remoto in memoria che offre prestazioni elevate, replica e un modello di dati univoco per produrre una piattaforma per la risoluzione dei problemi. Redis è una struttura dati in-memory open source (con licenza BSD), utilizzata come database, cache e broker di messaggi. È classificato come archivio valori-chiave NoSQL. Supporta strutture di dati come stringhe, hash, elenchi, set, serie ordinate con query di intervallo, bitmap, hyperloglog e indici geospaziali con query radius. Supportando cinque diversi tipi di strutture dati,

  1. STRING (Funziona su tutta la stringa, parti, interi e galleggianti)
  2. LISTA (spingere o rilasciare elementi da entrambe le estremità)
  3. SET (Aggiungi, recupera, rimuovi, verifica, intersecano, unione, differenza ecc.)
  4. HASH (store, fatch, remove in hash)
  5. ZSET (uguale al set ma in modo ordinato)
  6. GEO (Aggiungi, aggiorna, elimina latitudine e longitudine, entra all'interno di Redius dato)

Redis ha replica integrata, scripting Lua, sfratto LRU, transazioni e diversi livelli di persistenza on-disk (sync / async).

Prima della versione 3, Redis funziona in modalità master-slave e richiede Redis-Sentinel per fornire un'alta disponibilità. Solo il master accetta le scritture e sincronizza i dati con gli schiavi mediante la foratura.

Dalla versione 3, Redis funziona e consiglia la modalità multi-master in cui le funzioni di failover, sharding / paritioning e resharding sono integrate. Redis-Sentinel non è richiesto dalla versione-3. Per far funzionare il cluster redis sono richiesti almeno 3 nodi / processi principali.

Altre funzionalità sono la replica, la persistenza e lo sharding sul lato client. Redis supporta un'ampia varietà di problemi che possono essere naturalmente associati a ciò che Redis offre, consentendoti di risolvere i tuoi problemi senza dover eseguire il lavoro concettuale richiesto da altri database.

Redis "Hello World"

Per prima cosa è necessario installare e avviare il server Redis, controllare il seguente link che può aiutare a installare redis sul proprio server o sulla macchina locale.

Installazione e configurazione

Ora apri il prompt dei comandi ed esegui il comando redis-cli :

Per salvare il primo set> SET 'keyname' quindi 'value'

127.0.0.1:6379> SET hkey "Hello World!"
 

Premi Invio dovresti vedere

OK
 

Quindi inserire:

GET hkey
 

tu dovresti vedere:

"Hello World!"
 

Esempio di output della schermata:

Esempio di output della schermata

Redis interfaccia a riga di comando

redis-cli è il programma di interfaccia a riga di comando di Redis che consente di inviare comandi a Redis e leggere le risposte inviate dal server, direttamente dal terminale. L'utilizzo della riga di comando di base è di seguito:

Accesso ai redis:

$ redis-cli
127.0.0.1:6379>
 

Accesso ai redis con autenticazione:

$ redis-cli -a myPassword
127.0.0.1:6379>
 

Seleziona il database e mostra le dimensioni del database (il numero di database predefinito è 0):

127.0.0.1:6379> dbsize
(integer) 2
127.0.0.1:6379> select 1
OK
127.0.0.1:6379[1]> dbsize
(integer) 20
 

Ottieni informazioni e statistiche sul server:

127.0.0.1:6379> info
redis_version:2.4.10
redis_git_sha1:00000000
redis_git_dirty:0
arch_bits:64
multiplexing_api:epoll
gcc_version:4.4.6
process_id:947
uptime_in_seconds:873394
uptime_in_days:10
lru_clock:118108
used_cpu_sys:19.55
used_cpu_user:397.46
used_cpu_sys_children:0.00
used_cpu_user_children:0.00
connected_clients:1
connected_slaves:0
client_longest_output_list:0
client_biggest_input_buf:0
blocked_clients:0
used_memory:14295792
used_memory_human:13.63M
used_memory_rss:19853312
used_memory_peak:14295760
used_memory_peak_human:13.63M
mem_fragmentation_ratio:1.39
mem_allocator:jemalloc-2.2.5
loading:0
aof_enabled:0
changes_since_last_save:0
bgsave_in_progress:0
last_save_time:1468314087
bgrewriteaof_in_progress:0
total_connections_received:2
total_commands_processed:2
expired_keys:0
evicted_keys:0
keyspace_hits:0
keyspace_misses:0
pubsub_channels:0
pubsub_patterns:0
latest_fork_usec:0
vm_enabled:0
role:master
db0:keys=2,expires=0
db1:keys=20,expires=0
 

Uscendo dal redis-cli:

127.0.0.1:6379> exit
 

Installazione di Redis su Windows, con esempio Node.js

Redis ha una porta Windows fornita da "Microsoft Open Technologies". È possibile utilizzare l'installer msi trovato su: https://github.com/MSOpenTech/redis/releases

Una volta completata l'installazione, è possibile vedere "Redis" è un servizio di Windows (e lo stato dovrebbe essere "Avviato")

Per scrivere un esempio di 'Hello world' che utilizza Redis in Node.js (anche in Windows) puoi utilizzare il seguente modulo npm: https://www.npmjs.com/package/redis

esempio di codice:

var redis = require('redis'),
    client = redis.createClient();

client.set('mykey', 'Hello World');
client.get('mykey', function(err,res){
    console.log(res);
});